Differenze morfologiche tra esemplari:
I maschi hanno una colorazione di fondo blu metallico con due fasce orizzontali che attraversano tutto il corpo e la pinna dorsale bordata di rosso, le femmine mantengono le due fasce orizzontali più scure ma su una colorazione di fondo grigio-argento.
Comportamento in habitat naturale:
Questo predatore dalla forma particolare è distribuito in tutta l'ampiezza del lago principalmente in acque basse ricche di vegetazione dove il dimidiochromis compressiceps si nasconde per sferrare attacchi fulminei ai danni di piccoli pesci(principalmente giovani rappresentanti del gruppo “Utaka” come i copadichromis), lo si può trovare anche nei pressi di formazioni rocciose ma sempre caratterizzate da acque calme e poco profonde. Uno dei soprannomi del dimidiochromis compressiceps è “eyebiter” in quanto questo ciclide dirige spesso i suoi attacchi direttamente verso gli occhi delle sue prede.
Comportamento in acquario:
Per ospitare questo predatore al meglio occorre adottare più di un accorgimento, innanzi tutto la vasca deve essere grande(dai due metri in su), non troppo illuminata con fondo di sabbia fine e qualche grosso masso a creare anfratti abbastanza grandi da consentire alle femmine e agli individui dominati di poter trovare rifugio, una buona presenza di piante di vallisneria contribuirebbe a far sentire a proprio agio questo ciclide che al contrario in presenza di una illuminazione troppo forte e di una vasca spoglia tenderebbe ad intimidirsi fino ad ammalarsi. Vista l'aggressività abbastanza elevata nei confronti dei conspecifici occorrerebbe inserire un gruppetto formato da un maschio e qualche femmina, come coinquilini sono indicate tutte le specie di taglia simile e non troppo aggressive del gruppo “utaka” come cyrtocara moorii, fossorochromis rostratus per citarne alcuni, tutti i pesci che riescono ad entrare nella sua bocca sono considerati prede. Se nutrito adeguatamente e inserito in un contesto come quello sopra descritto l'abitudine di attaccare gli occhi dei suoi compagni di vasca diventa un fatto inusuale tanto da risultare abbastanza pacifico nei confronti di questi ultimi.
Alimentazione in acquario:
cibo secco e congelato, gamberetti, mysis, polpa di pesce.
La riproduzione:
La riproduzione avviene in generalmente su una pietra piatta e la metodologia è quella comunemente adottata dalla gran parte degli incubatori orali, le femmine rilasceranno gli avannotti(fino a 250!) completamente autosufficienti dopo circa tre-quattro settimane.

Informazioni utili

dimensioni min vasca:
200x60x60
numero min di esemplari:
4
coppia formata:
no
taglia max in acquario:
25
dimorfismo sessuale:
si
riproduzione:
Incubatore orale
livelli di nuoto:
Tutti i livelli
ph:
7,5-8,5
aggressività v/conspecifici:
Aggressivo
temperamenti v/coinquilini:
Abbastanza aggressivo
difficoltà di allevamento:
3
regimi alimentari:
Piscivoro
famiglia:
Ciclidi
durezza acqua:
Dura
livelli di temperatura:
22-27